Conoscersi profondamente nel proprio intimo e negli oggettivi comportamenti di vita.
Riconoscersi bisognosi dell'aiuto degli altri in funzione di un cambiamento e di una maturazione progressiva.
Condividere lo stato d'animo dell'altro mettendosi in sintonia con lui nelle varie situazioni di vita; non giudicare, né fare una scala di valori con parametri umani nei riguardi delle persone,abbandonare la certezza di aver ragione e gli altri torto.
Acquisire nelle relazioni uno stile di vera fraternità ed accoglienza che faccia trasparire agli altri, ed in particolare ai fidanzati che si incontreranno, l'immagine di coppie in cammino e di una Chiesa viva.
Imparare ad esaminare la realtà oggettiva dei comportamenti personali e di tutte le situazioni in cui si entra in rapporto; comprendere da quali motivazioni, prossime o remote, le azioni sono causate e a quali fini tendono.
Accogliere, cercare di comprendere in tutte le sfumature e accettare la diversità del coniuge e degli altri come arricchimento per la crescita comunitaria.
Essere tolleranti nel rispettare i tempi di maturazione di tutti; - pregare, tenendo sempre presenti le parole di Gesù "senza di me non potete far nulla".
Fiducia, amore, accoglienza, ascolto, atteggiamento non giudicante, tolleranza e preghiera.
Cristo è morto per noi, e noi siamo capaci di dare la nostra vita per l’altro? Siamo capaci di rinunciare a qualcosa di noi per andare verso l’altro, per far sì che la nostra coppia cresca? Questo passaggio ci costerà fatica (passione e morte), ma saremo ricompensati con una maggiore solidità di coppia, una gioia più grande (la resurrezione).
Il progetto della coppia non può quindi essere rigido nella sua prospettiva di attuazione, ma flessibile, attento alla realtà di coppia, per non farne un'astrazione, un feticcio, in cui nessun membro della coppia domani si riconoscerebbe.
I contenuti proposti, partendo dalla realtà umana vissuta dai fidanzati e illuminandola e interpretandola con l'annuncio del Vangelo, dovranno permettere ai fidanzati di giungere a conoscere e a vivere il mistero cristiano del matrimonio. Proprio perché itinerari educativi e di fede, gli incontri non si riducano a cicli di lezioni e/o conferenze. Siano momenti di evangelizzazione e di catechesi, aprano alla preghiera e alla vita liturgica, orientino e spronino alla carità...
Amarsi è un lavoro artigianale. Litigate pure ma non finite mai la giornata senza chiedervi perdono a vicenda. Il matrimonio si costruisce giorno per giorno e fuggendo dalla cultura del provvisorio.

P. Mongillo : Riconciliazione: come la viviamo ?
da San paolo : "Vi scongiuro lasciatevi riconciliare"
1)Come risvegliare l'attesa per un mondo riconcilaito con Dio
2) Per una pedagogia del risvrglio al superamento del peccato, dalle paure e delle resistenze al modo di Dio.

 

Riconciliato = riunito con
Dio è il radunatore del popolo attraverso Cristo
Peccato = noi contempliamo il disegno di Dio,ma non riusciamo a farlo vivere
Desiderare la riconciliazione = desiderare veramente che si realizzi il piano di Dio

P. Mongillo : Riconciliamoci con la capacità di amare
Riconciliazione : come ne parliamo ai fidanzati? (1a lettera di Pietro).

Don Beppe Anfossi: Riconciliazione nella R.d.V.

Home Chi siamo Sede Legale:Piazza della Vittoria, 15/30 16121 Genova C.F. 95033870106 P.IVA 01216010999 Contattaci