LogoBlu

III domenica del Tempo Ordinario. Anno A

Is 8, 23b-9, 3

1Cor 10, 10-13.17

Mt 4, 12-23

«Quando Gesù seppe che Giovanni era stato arrestato, si ritirò nella Galilea, 13lasciò Nàzaret e andò ad abitare a Cafàrnao, sulla riva del mare, nel territorio di Zàbulon e di Nèftali, 14perché si compisse ciò che era stato detto per mezzo del profeta Isaia:

15Terra di Zàbulon e terra di Nèftali,/ sulla via del mare, oltre il Giordano,/ Galilea delle genti! / 16 Il popolo che abitava nelle tenebre / vide una grande luce,/ per quelli che abitavano in regione e ombra di morte una luce è sorta.

 

17Da allora Gesù cominciò a predicare e a dire: "Convertitevi, perché il regno dei cieli è vicino".

18Mentre camminava lungo il mare di Galilea, vide due fratelli, Simone, chiamato Pietro, e Andrea suo fratello, che gettavano le reti in mare; erano infatti pescatori. 19E disse loro: "Venite dietro a me, vi farò pescatori di uomini". 20Ed essi subito lasciarono le reti e lo seguirono. 21Andando oltre, vide altri due fratelli, Giacomo, figlio di Zebedeo, e Giovanni suo fratello, che nella barca, insieme a Zebedeo loro padre, riparavano le loro reti, e li chiamò. 22Ed essi subito lasciarono la barca e il loro padre e lo seguirono.

23Gesù percorreva tutta la Galilea, insegnando nelle loro sinagoghe, annunciando il vangelo del Regno e guarendo ogni sorta di malattie e di infermità nel popolo».

«La speranza non è un modo di auto consolarsi, è la forza creativa che dalle radici dell’essere di continuo prorompe, lo slancio vitale che sembra assente, come il fuoco di un vulcano su cui la crosta di lava si è ormai consolidata» (E. Balducci).

Siamo chiamati alla speranza, a credere d’essere abitati da una forza in grado di compiere in noi una ri-creazione continua, perché non siamo stati creati, siamo in creazione. E la Genesi non sta all’origine di noi, ma alla fine, come compimento, come completa fioritura.

Questa forza che mi abita mi muove pure nelle concrete circostanze della vita, nella convinzione che tutto può ricrearsi anche attorno a me. Non sono schiavo di logiche maligne, quelle proprie di ogni potente di turno, fatte di potere, ricchezza, possesso, violenza. Non sono un essere decaduto segnato irrimediabilmente dal male e destinato a compiere solo cose cattive. La luce che mi porto dentro, l’energia di Fondo di tutte le cose – che alcuni chiamano Dio – mi dice che la vita non è tutto questo, e che la realtà è ben altra: possibilità di prendersi cura, giocarsi relazioni nell’amore, nel perdono, nel ridonare luce a chi vive solo più nelle tenebre. Vivere di speranza è credere che sono fatto per venire alla luce di me stesso, di partorirmi in pienezza attraverso la via del bene.

La cosmologia contemporanea ricorda che siamo nati dalle stelle. 12 miliardi di anni fa, le Giganti Rosse sono esplose e i loro elementi espandendosi li ritroviamo ora in ciò che costituisce la vita. Noi siamo formati da polvere cosmica. «Non è per questo che brillate e sentite dentro di voi il calore e l’impulso a splendere? Sì, perché portate dentro di voi la potenza delle stelle» (Leonardo Boff).

"Convertitevi, perché il regno dei cieli è vicino", dice Gesù. Cambia mentalità, comincia a pensare diversamente. Entra in contatto con la luce che ti abita, e non fermarti sul male che riscontri in te, ma credi al bene che puoi fare. Entra in contatto col fuoco che ti abita e asseconda l’impulso a splendere! ‘Non lasciarti cadere le braccia’ (Sof 3, 16), ma usale per ‘pescare’ fuori dai gorghi della storia (cfr. v. 19) le donne e gli uomini che vi sono caduti dentro infangando la loro dignità.

I primi collaboratori di Gesù non erano sapienti, bensì pescatori semplici con i volti bruciati dal sole e le mani segnate dalle funi. Gesù li chiama a sé non ad annunciare dottrine e a dire che sarà un’ortodossia a salvarci, ma a liberare i prigionieri del male e a dire che a salvarci sarà solo un ortoprassi, ossia un’azione segnata dal bene.

Essere cristiani significa portare avanti la creazione, la nostra umanità, e la fraternità laddove ci si trova a vivere. È interessante che Gesù chiami a sé anzitutto coppie di fratelli. Certo, perché il cristianesimo altro non è che l’energia immersa nella storia in grado di richiama in vita Caino e Abele, trasformando il fratricidio in fecondità e vita per sempre.