cookiesE' entrata in vigore (dal 2 giugno 2015) la legge italiana sui cookie che recepisce la direttiva del Parlamento europeo, relativa al trattamento dei dati personali e alla tutela della vita privata nel settore delle comunicazioni elettroniche.
Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

LogoBlu

Traducteur-Translator

Siamo sempre stati restii a fornire le tracce degli incontri di preparazione al matrimonio, sia perché siamo consapevoli di come la nostra associazione abbia contribuito nel tempo a mettere a disposizione delle proprie équipes e della comunità cristiana dei testi fondamentali su tale argomento (vedi allegato in basso), sia perché riteniamo che uno dei compiti primari della équipe che prepara gli incontri debba essere quello di leggere “i segni dei tempi” che, grazie alla La revisione di vita , attraversano il proprio gruppo e il gruppo dei fidanzati che accompagneranno nel percorso di preparazione al matrimonio.

Riteniamo, quindi, importante che le tracce nascano dalla sensibilità delle singole équipes e che, nel prepararle, queste abbiano ben presente chi sono, concretamente, i fidanzati che incontreranno (accoglienza).

D’altra parte la Chiesa italiana sta riflettendo, proprio in questi mesi, sulla preparazione al matrimonio, interpellando la comunità cristiana su questo settore della catechesi e della evangelizzazione, considerato, con ragione, importantissimo per la formazione delle nuove famiglie.

E’ a tale riflessione che abbiamo pensato bene di offrire la traccia che troverete sul Dossier (<- numeri precedenti) allegato al primo numero di Famiglia Domani (la nostra rivista edita dalla ElleDiCi), anno 2009: si tratta di un percorso realmente effettuato da una équipe C.P.M. genovese nei mesi di gennaio e febbraio del 2008; quindi non un percorso ideale da proporre come esempio, ma un cammino concreto sul quale due coppie di sposi, un presbitero e una religiosa ha incontrato sei coppie di fidanzati, quattro delle quali conviventi, accompagnandoli al matrimonio cristiano. Gli incontri avvenivano il venerdì sera, dalle 21 alle 23, e il lunedì successivo, nel tardo pomeriggio, le coppie di sposi, il presbitero e la religiosa si incontravano per verificare l’andamento della serata e calibrare la traccia per il venerdì successivo.Il quinto incontro è consistito di un’intera domenica, dalle 9,45 del mattino alle 18 del pomeriggio. Purtroppo, e non potrebbe essere altrimenti, le tracce riporteranno soltanto lo schema degli incontri predisposto dagli animatori e non i contributi offerti dai fidanzati in un cammino a volte faticoso ma spesso illuminato dalle testimonianze di una sofferenza profonda per il loro “sentirsi, comunque, lontani” e dalla gioia nel vedere le nostre mani tese.

Gli argomenti degli incontri sono stati i seguenti:

  • Primo incontro: Conoscenza, dialogo, accoglienza. Progetto di coppia.
  • Secondo incontro: Il senso della vita. In cammino verso la fede: chi è Dio per te.
  • Terzo incontro: Essere cristiani. Il Battesimo.
  • Quarto incontro: La Parola di Dio.
  • Quinto incontro “una domenica insieme”: Il Sacramento della riconciliazione e il perdono nella coppia. L’Eucarestia.
  • Sesto incontro: Il Sacramento del Matrimonio, prima parte.
  • Settimo incontro: Il Sacramento del Matrimonio, seconda parte.
  • Ottavo incontro: serata conclusiva, approfondimenti e revisione.

Come si può vedere questo percorso è molto diverso da quello ipotizzato da “Dio ci chiama all’amore”, il più famoso volume preparato dalle coppie dei C.P.M. e largamente utilizzato nel corso di questi anni ( la seconda ristampa è del marzo 2008). Questo volume prevede, nei suoi capitoli, i seguenti argomenti:

  • Un uomo, una donna, la coppia.
  • Il nostro amore: scelte e progetti di coppia.
  • Vivere in famiglia il Vangelo del lavoro.
  • L’armonia sessuale fa parte del nostro amore.
  • Siamo cristiani, ci sposiamo in Chiesa.
  • Fecondità dell’amore.
  • Essere padri, essere madri.
  • Amore e fedeltà per sempre.

Anche in questo caso possiamo notare una scansione dei temi che porta, necessariamente, ad almeno otto incontri.Quando abbiamo potuto realizzare dei percorsi più lunghi, mediamente composti da tredici o quattordici incontri, i temi trattati sono stati i seguenti:

  • Parliamo di Amore – Accoglienza.
  • Amare: Dialogo e conoscenza.
  • Amare: Progetto di coppia – Disegno di Dio.
  • Gesù Cristo, l’uomo che ama donando sé stesso.
  • Amare: Uscire da sé stessi – Incarnazione.
  • Amare: Pregare – Affidarsi – Perdonare.
  • Chiesa e Sacramenti – L’Amore nella vita concreta.
  • Amore: Eucaristia e Sacramento del matrimonio.
  • Amore: Armonia coniugale e sessualità.
  • Amore: Il dono dei figli.
  • Amare: Educare i figli.
  • Amare: Fecondità di coppia, sociale, ecclesiale.
  • Celebrazione Eucaristica – Cena – Revisione critica.

In questo caso l’insistenza sulle parole Amare e Amore stava a significare che, nonostante l’apparente varietà degli argomenti sui quali donavamo la nostra testimonianza, noi parlavamo sempre e soltanto di Amore.

Questi sono soltanto alcuni accenni sul tema degli incontri di preparazione al matrimonio; torniamo però a ribadire che quello che contraddistingue il “metodo C.P.M.” non sta tanto nei temi che vengono trattati ma nella modalità con la quale questi incontri si svolgono e come vengono preparati dal gruppo che li conduce. Gruppo che si incontra durante tutto l’anno, almeno una volta ogni quindici giorni, non tanto per preparare gli incontri quanto per formarsi attraverso La revisione di vita nei gruppi: un impegno costante di leggere la propria esistenza alla luce della Parola di Dio e del confronto con gli altri componenti del gruppo.

Il cammino assieme ai fidanzati diventa così una concreta applicazione del vissuto personale delle coppie del gruppo e del presbitero che le accompagna. Non maestri, quindi, ma testimoni.

Alcune parole, infine, sulla modalità pratica degli incontri: essi dovrebbero svolgersi in un ambiente il più possibile accogliente e comodo e, per facilitare la partecipazione attiva, occorre privilegiare una disposizione a cerchio che consenta a tutti di vedere il volto degli altri. Il numero ridotto di coppie di fidanzati, mai più di sei – otto coppie, permette un maggior coinvolgimento e l’instaurazione di un rapporto personale di amicizia e di fiducia reciproco. Deve essere chiaro a tutti, ad esempio, sia alle coppie di fidanzati che agli animatori, che tutte le cose dette e sentite nel corso degli incontri non possono, assolutamente, essere riportate all’esterno.

E’ necessario che il nostro comportamento con i fidanzati sia accogliente e alla pari, non solo formalmente, ma considerandoli e considerandoci, persone positive. Questo è molto utile perché solo tra persone che si valorizzano e si accettano reciprocamente, è possibile comunicare in modo profondo ed efficace ed esprimere liberamente le proprie convinzioni, i propri sentimenti e le proprie difficoltà. Riteniamo importante, proprio per il futuro della loro appartenenza, cercare sempre di mostrare ai fidanzati, durante gli incontri, l’immagine di una Chiesa “viva”, dove le coppie di sposi e il presbitero collaborano tra di loro in modo paritario, con carità, stima e fiducia reciproca. Stimolando, assieme, con riflessioni e/o domande, il lavoro del gruppo, ascoltando con molta attenzione e interesse gli interventi, personali o di coppia, dei fidanzati, ed intervenendo poi di rimessa su quanto detto, integrandolo, se necessario. Tutto ciò, senza mai assumere un atteggiamento da maestri, ma, sempre, partendo dal proprio vissuto personale e privilegiando il cammino percorso e la gioia che questo cammino ha comportato, nonostante gli inevitabili, riteniamo per tutti, momenti di difficoltà. Con la consapevolezza che ogni coppia di fidanzati o di sposi è portatrice di una molteplicità di doni, che rappresentano una grazia per tutti e che le differenze non devono mai costituire un ostacolo, ma solo una ricchezza, un mezzo di crescita per ciascuno di noi.

Scopo di queste nostre serate è infatti anche quello di offrire ai fidanzati gli stimoli giusti per suscitare il loro interesse verso argomenti e valori dei quali difficilmente hanno occasione di parlare, in modo che siano invogliati ad approfondirli ulteriormente nel corso della loro vita di coppia.

ALLEGATO

Alcune guide per la revisione di vita e per gli incontri di preparazione al matrimonio, a cura dei C.P.M. e di Famiglia Domani:

*Gaspar Mora - Ignasi Salvat, In cammino con le coppie 1. Gli incontri di preparazione al matrimonio. [trad. dallo spagnolo di L. Ghia], Editrice Elledici, Leumann 1995, 311pp.

*Gaspar Mora - Ignasi Salvat, In cammino con le coppie 2. Materiali e documentazione per gli incontri con i fidanzati. [trad. dallo spagnolo di L. Ghia], Elledici, Leumann 1996, 102 pp. CPM - Centri di Preparazione al Matrimonio, Dio ci chiama all’amore. Guida di riflessione e di dialogo per prepararsi insieme al matrimonio, Elledici, Leumann 1997, 112 pp.

*Tina e Michele Colella, Per un progetto di coppia. Un cammino di fede con i fidanzati, Elledici, Leumann 1997, 239 pp.CPM - Centri di Preparazione al Matrimonio (edd.), Chiamati all’amore. Schede per coppie = Collana Vivifamiglia, Editrice Monti, Saronno 2000, 175 pp