cookiesE' entrata in vigore (dal 2 giugno 2015) la legge italiana sui cookie che recepisce la direttiva del Parlamento europeo, relativa al trattamento dei dati personali e alla tutela della vita privata nel settore delle comunicazioni elettroniche.
Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

NEL DESERTO IL PROFUMO DEL VENTO Giorgio Gonella

Non è casuale che il libro di Giorgio Gonella (62 anni, laureato in legge, Piccolo Fratello del Vangelo, una congregazione che si ispira alla spiritualità di Charles de Foucauld) inizi con il ricordo della fumata bianca che in piazza San Pietro a Roma annunciava l’elezione a papa di Giovanni XXIII. Fu quello un evento che diede una svolta di consapevolezza e di senso non solo alla Chiesa, intesa come comunità cristiane, ma anche a quei credenti più sensibili a quei semi di novità che, sepolti sotto la neve dell’inverno, attendevano la primavera per poter germogliare e fiorire.
Anche l’Autore visse l’epoca del Concilio come luogo di strutturazione della fede cristiana: esso ne lasciò in lui un’impronta indelebile. La frequentazione non più catacombale di “profeti” e anticipatori dell’evento conciliare (Mounier, Mazzolari, Balducci, don Milani, Chenu, per non citarne che alcuni), i dibattiti liberi e appassionati sul cambiamento in atto, realizzarono il miracolo della riscoperta di una Chiesa che non si definisce più dall’alto, ma dal basso; una Chiesa portatrice di una visione dell’umanità che privilegia la persona alla struttura e che va “servita” con cuore umile e povero, secondo l’etimologia di una parola abusata e non interiorizzata: misericordia.

Ma se il libro parte da questo ricordo che, per chi ha vissuto quegli anni, può anche essere fonte di sofferenza e di rimpianto, esso si radica nella realtà del nostro tempo quando l’avventura del Concilio sembra essere ormai lontana, rimossa dalla coscienza dei più. Dalla riscoperta del Vangelo come avventura della fede, della Chiesa come una tenda che si sposta, nomade, per condividere la vita reale di donne e uomini reali oppressi da una condizione di fragilità e di sofferenza, siamo ri-passati ad una concezione della Chiesa come edificio solido, saldamente ancorato e ben visibile. Una Chiesa che si smarca dal mondo e che lo sfida, orgogliosa della propria diversità, e che si accredita come un luogo sicuro in cui chi in essa si rifugia può vincere la paura del mondo e delle sue insidie. Chi non accetta questo ritorno al passato, questa condizione di conservazione e di restaurazione, vive un sentimento di profonda solitudine.
È possibile allora una gestione positiva di questa solitudine, trasformarla da pericolo a risorsa? La tesi di Gonella è chiara, come è stata chiara e lineare la sua scelta di vita: è possibile, a condizione di rivalutare l’interiorità in tutti i suoi aspetti, fare della solitudine un’esperienza basilare della propria fede, rinunciare a “possedere” la fede, a “possedere” Dio, ma farsi possedere dalla fede e da Dio. Non è solo un modo per leccare le proprie ferite, ma un cammino di maturazione personale che, lungi dal cedere a ricorrenti tentazioni alienanti, inserisce il viandante in uno spazio sempre più ampio di libertà e lo avvicina progressivamente al mistero di Cristo e al mistero di comunione con gli uomini e le donne del nostro tempo.
Questo cammino è indicato dall’Autore con la metafora del deserto. Un deserto che ha un linguaggio discreto, proprio come la voce di Dio. Ma non è un luogo facile da vivere perché “scortica”, è un luogo “bello e terribile”, proprio come bello e terribile è il mistero di Dio. Un luogo (non necessariamente geografico, se facciamo riferimento al deserto interiore) in cui “si è ad un passo da Paradiso e al contempo a un passo dall’inferno”.
La tradizione mistica si è sempre cimentata con il deserto: dai Padri del deserto, allo Pseudo Dionigi l’Areopagita, da Meister Eckhart a Giovanni della Croce: per tutti questi maestri di interiorità il deserto non è una fuga, ma il rifugio dalla fuga, un ritorno alla nudità essenziale, dunque alla verità.
Da queste ipotesi – o se preferiamo da questo contesto – prende dunque le mosse il libro: un’introduzione (I gemiti dell’anima) che in qualche misura rappresenta l’apertura del cuore, da parte dell’autore, a chi prende in mano il libro, sei capitoli e una conclusione.
Il primo capitolo (Il cammino del deserto) rappresenta una sorta di ricognizione nel deserto, di coloro che in esso si ritiravano, a partire dalla Comunità di Qumran, per esplorare, focalizzando l’attenzione sul 4° secolo, la genesi delle varie esperienze anacoretiche e monastiche.
Il secondo capitolo (La nudità dello spirito) rappresenta un ulteriore passo in questo cammino. L’autore si chiede che cosa sia possibile apprendere dai “pellegrini del deserto”, e quale dunque possa essere uno schema per il viaggio attraverso il deserto interiore. Identifica al riguardo alcuni passaggi chiave: lo spogliamento; la solitudine; il silenzio; e alcuni temi con i quali occorre “fare i conti”: il desiderio (inteso in senso lato, ivi compreso quindi il desiderio di Dio); la morte; la preghiera.
Il terzo capitolo esplora uno dei luoghi teologici fondamentali del cammino nel deserto (interiore); la teologia apofatica o la “Via Negativa”, che non rappresenta solo una corrente teologica che attraversa tutta la storia della Chiesa, ma è soprattutto una disposizione dell’animo, un’attitudine della fede e della ricerca di Dio. Ma quale Dio? Sì perché la vera questione, quella che tutte le precede e che oggi un credente si deve porre, è proprio questa: quale Dio? Prima di chiedersi quale Chiesa, quale società o quale politica deve porsi questa domanda, dalla risposta alla quale derivano tutte le altre risposte. Ed allora l’autore si mette alla ricerca di un Dio Assoluto, quello che tutte le parole sono inadeguate ad esprimere, il Dio ineffabile di Gregorio di Nissa, il Dio indicibile, inimmaginabile, soprattutto incatturabile, un Dio che solo si può ritrovare nel deserto. Un percorso che “scortica”. E nel cammino si scopre che in ogni credente c’è sempre un non credente.
Il quarto capitolo (Nella tenebra luminosa) analizza uno dei momenti più sconcertanti del cammino nel deserto: l’ingresso nella tenebra, il luogo della “morte di Dio”, del suo silenzio totale. L’inizio di un cambiamento radicale del paradigma della fede, della scoperta di un altro Dio, o di un Dio “Altro”. Questo percorso viene fatto facendosi accompagnare da Meister Eckhart, il maestro renano che l’autore preferisce come guida rispetto ai mistici spagnoli come san Giovanni della Croce, in quanto il mondo di Eckhart è più asciutto, più freddo, meno carico di risvolti affettivi, di passione e di sentimenti, un mondo più difficile dunque. C’è, in questo capitolo, tutto il faticoso cammino per giungere allo spogliamento interiore, all’esperienza dell’”assenza” che sboccia in un’esperienza di pienezza.
Il quinto capitolo (Il deserto di stracci) abbandona il deserto di roccia e di sabbia e si trasferisce in un altro deserto, quello dei poveri, perché il cammino di fede non è un privilegio concesso a pochi, a una piccola élite che può permettersi di abbandonare tutto, gente ricca non obbligata a “tirar su” figli, ad assistere genitori anziani… Il cammino di fede è per tutti, per gente “ordinaria “, per i poveri che di Dio ne sanno più di tutti…Il mondo semplice e ad un tempo complesso delle Beatitudini, nelle quali viene rivelato, come ricorda Miguel de Unamuno, che “Dio non è altro che l’amore che sgorga dal dolore universale e si fa coscienza”.
Il sesto capitolo (Un Dio svuotato) affronta il tema della kenosis, dell’abbassamento, analizzando la figura, la vita e il comportamento del falegname di Nazareth, uno sconfitto?, collegandosi a esperienze letterarie contemporanee (in particolare Samurai, di Shusaku Endo, e Severina di Ignazio Silone) e a due “modelli” di riferimento che all’autore stanno molto a cuore, san Francesco d’Assisi e Charles de Foucauld.
La conclusione (Perfetta letizia) è un invito ad aprire le porte della Chiesa, lasciandoci interpellare dai testimoni della fede del deserto, da coloro che hanno avuto il coraggio di porsi non il problema di Dio in astratto, ma appunto di “quale Dio” dobbiamo cercare (qual è quel Dio del quale si può dire con Heidegger che solo un Dio ci può salvare…?). Qual è il Dio che scopriamo facendo “il vuoto” dentro di noi? Attraverso l’adorazione e la contemplazione? Attraverso la kenosi? Il Dio che ci invita a nozze? No, non si conoscerà questo Dio, dal quale potrà rinascere anche nella Chiesa quella speranza suscitata dal Concilio ed oggi smarrita, se non si passerà attraverso il deserto. Non per evadere, ma per vivere una comunione perfetta con tutti gli esseri umani. Un’utopia?