cookiesE' entrata in vigore (dal 2 giugno 2015) la legge italiana sui cookie che recepisce la direttiva del Parlamento europeo, relativa al trattamento dei dati personali e alla tutela della vita privata nel settore delle comunicazioni elettroniche.
Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

LogoBlu

Amoris Laetitia

Amoris Laetitia

Mappa

 

 

La fede operosa

Editoriale

Marta, la protagonista di questo numero della rivista, può essere considerata sotto diverse prospettive. La prospettiva di Luca pone in evidenza il suo attivismo, contrapponendolo all’atteggiamento di ascolto della sorella Maria. La prospettiva di Giovanni recupera, invece, in Marta, un solido concreto atteggiamento di fede. Entrambi gli atteggiamenti sono indispensabili per accogliere il Maestro non solo nella nostra casa, ma nei nostri cuori.

Marta, donna d’azione

di Marinella Gualchi

L’autrice dell’articolo si pone nella prospettiva della Marta operosa come descritta dall’evangelo di Luca, tenendo però presente anche la prospettiva della sorella Maria. Il nostro cammino di fede, sostiene, deve partire con Maria dall’ascolto fiducioso di Gesù, per cooperare alla costruzione del Regno con l’operosità di Marta. Modello al quale ispirarsi è Maria, la madre di Gesù.

Tra realtà e sogno

di Giuliana Besso

“Fermate il mondo! Voglio scendere…!”, questa è la reazione di molte donne contemporanee invischiate nell’assolvimento dei molti ruoli in cui di dibatte la loro esistenza di donna, di figlia, di madre, di lavoratrice, di moglie. I ruoli conferiscono sicurezza al soggetto, ma tendono a diventare rigidi, ascritti, “ingessati” e a creare negli altri aspettative che il soggetto non sempre riesce a realizzare pienamente. Nel rapporto tra i sessi più che l’uguaglianza è necessario valorizzare le differenze e instaurare un rapporto di reciprocità nell’amore.

Un sano litigio

di Mariella Piccione

Il conflitto esiste, inutile negarlo, e soprattutto fa paura. Il più delle volte non viene riconosciuto e affrontato al suo sorgere e diventa in tal modo “mortifero” per la relazione. Esso non va dunque rimosso, ma addomesticato. Litigare si può (spesso si deve), ma occorre… litigare bene!

Ai piedi della Croce

di Lydia Cramarossa

Partendo dalla lettura dello Stabat Mater di Jacopone da Todi, l’autrice contempla Maria, la Madre, che stando “sotto” la Croce è crocifissa con il Figlio, per indicarci, con un silenzio toccante più di molte parole, il dono e il compito dell’evento di salvezza al quale lei partecipa con l’angoscia nel cuore. Un cuore di mamma.

Vocazioni di donna

di Maria Pia Cavaliere

Nei Vangeli, in un tempo in cui la donna non era neppure salutata per strada, perché era di proprietà dell’uomo ed in cui era considerata impura perché aveva a che fare con il sangue, Gesù non solo coinvolge le donne nella sua missione, ma ha con loro un rapporto personale, intimo e profondo. Forse che la Chiesa, relegando la donna a ruoli subalterni, vuole essere di più del suo Maestro?

L’operosità

di Lidia e Dante Colli

Rileggendo la storia di Marta non si può non rilevare come il valore dell’operosità sia insito nell’atto stesso della creazione, di cui quella dell’uomo e della donna rappresenta il vertice indiscusso. Gli autori corredano questa lettura con alcuni interessanti esempi di donne operose e forti.

Un po’ Marta, un po’ Maria

di Alida Ianni

Immaginiamo una famiglia che sta per mettersi a tavola, quando suonano alla porta e sul pianerottolo ecco affacciarsi tredici persone, assetate, affamate, bisognose di ospitalità.. Quale sarebbe la nostra reazione? E, ospitalità a parte, quale ascolto saremmo capaci di mettere in atto nei confronti di ognuna di esse?

La donna nella Chiesa

di Roberta e Paolo Mirabella

Una breve, ma intensa analisi di una coppia che non si limita a perorare una maggiore responsabilità della donna nella comunità cristiana, ma che ne fa emergere le esigenze etiche e pastorali. Perché in gioco non c’è una più equa distribuzione delle poltrone o, come si dice oggi, il rispetto delle “quote rosa”, ma quel grembiule indossato da Gesù al momento della lavanda dei piedi. Per avere un mondo, anche ecclesiale, senza antistoriche discriminazioni.

Revisione di vita

pdf Dossier 3 2015 Il CPM e la Evangelizzazione (3.23 MB)

I giovani, la fede e il discernimento vocazionale.

giovani francesco

Webinar AL per sacerdoti e seminaristi

25° Anniversario della morte di Don Tonino Bello

 

molfetta porto

 

.Buco nero: Attirerò tutti a Me.

Puoi IMPARARE solo se ASCOLTI

Festival dell’economia civile Firenze 29-31 marzo 2019: presentazione

Il metodo CPM
1. Vedere
sforzarsi di prendere coscienza e di capire le proprie situazioni e atteggiamenti di vita, la qualità della relazione di coppia, i comportamenti della comunità ecclesiale e sociale e le maggiori problematiche odierne.
2. Giudicare
approfondire, conoscere e lasciarsi interpellare dalla Parola di Dio, ricordando che la Parola è Persona e Gesù stesso è Parola incarnata; confrontarsi dunque con Gesù vero interlocutore per poter entrare in intimità e vero dialogo con il coniuge e con gli altri, oltre che per leggere la nostra vita e le varie problematiche in esame con una visione di fede.
3. Agire
cercare di tradurre, con l'aiuto dello Spirito Santo, nella propria vita le acquisizioni maturate, contando anche sulla solidarietà delle altre coppie e del Consigliere spirituale.

L'accoglienza come stile di vita.

I sette punti di PAUL DERKINDEREN. L'Autore, sacerdote, teologo, psicologo, ha rappresentato per molti anni il Belgio in seno al bureau della Federazione Internazionale dei CPM;ne è stato l'Assistente.

Un cammino insieme verso il matrimonio



Il Vangelo dell’amore tra coscienza e norma

simposio

Sabato 11 novembre si è tenuto il III Simposio Amoris Laetitia aperto dal saluto del Santo Padre; è intervenuto il Presidente della CEI S.Em Card Gualtiero Bassetti, il direttore dell'Ufficio don Paolo Gentili e sono seguite le relazioni del prof. Mons. Giuseppe Lorizio e prof. Mons. Manuel Jesus Arroba Conde.

Commenti al Vangelo della domenica di Paolo don Squizzato

CommentoalVangelo2

Padre Nostro

Credo di Don MIchele Do

Credo in un solo Dio che é Padre, fonte sorgiva di ogni vita, di ogni bellezza, di ogni bontà. Da lui vengono e a lui ascendono tutte le cose. Credo in Gesù Cristo, figlio di Dio e figlio dell'uomo. Immagine visibile e trasparente dell'invisibile volto di Dio; immagine alta e pura del volto dell'uomo, così come lo ha sognato il cuore di Dio. Credo nello Spirito santo che vive e opera nelle profondità del nostro cuore per trasformarci tutti a immagine di Cristo. Credo che da questa fede fluiscono le realtà più essenziali e irrinunciabili della nostra vita: la Comunione dei santi e delle cose sante, che é la vera Chiesa; la buona novella del perdono die peccati, la fede nella Resurrezione che ci dona la speranza che nulla va perduto della nostra vita, nessun frammento di bontà e di bellezza, nessun sacrificio per quanto nascosto e ignorato nessuna lacrima e nessuna amicizia. Amen.

Corso di Formazione Permanente in Pastorale Familiare per Sacerdoti (9 ottobre - 29 novembre 2018)

"Per quanto riguarda i corsi o gli itinerari di preparazione al matrimonio, essi rientrino nel progetto educativo di ogni Chiesa particolare ed assumano sempre più la caratteristica di itinerari educativi. A tale scopo ci si preoccupi perché possibilmente ogni comunità parrocchiale sia in grado di offrire questi itinerari di fede innanzi tutto ai propri fidanzati.


Fidanzamento: tempo di crescita, di responsabilità e di grazia

 

Il libro è un originale studio teologico che presenta, per la prima volta in modo organico, la visione cristiana della corporeità.

La Parola e uno stile di vita

La grande bellezza

Un breve sussidio, che tutti possono utilizzare (coppie di fidanzati, di sposi,famiglie), in cui ogni capitolo viene presentato secondo uno schema di 7 verbi: conoscere, gustare, fissare lo sguardo, riflettere, ammirare, approfondire (suggerimenti per la visione di un film, per l'ascolto di un brano musicale, per la lettura di un testo..) pregare.