cookiesE' entrata in vigore (dal 2 giugno 2015) la legge italiana sui cookie che recepisce la direttiva del Parlamento europeo, relativa al trattamento dei dati personali e alla tutela della vita privata nel settore delle comunicazioni elettroniche.
Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

LogoBlu

Traducteur-Translator

Simboli sempre vivi

Editoriale

Gesù applica a se stesso le immagini simboliche, ricche di significati umani e religiosi, delle tradizioni ebraiche. Nel capitolo 10 dell’Evangelo di Giovanni alcune di queste immagini sono pennellate in modo stupendo: il pastore, le pecore, la porta del recinto, le pecore fuori del recinto, il guardiano, il ladro delle pecore…Saranno oggetto della nostra riflessione nell’anno 2010 della rivista.

Io sono la porta (Gv 10, 7-10)

di Gabriella del Signore       

Gesù è ad un tempo il Pastore e la Porta. Non si può entrare nel recinto delle pecore – anche in senso metaforico – per altra via se non attraversando la porta. Ma “porta”, nell’Evangelo di Giovanni, indica anche l’ingresso della tomba, la discesa nel fondo più tragico dell’esperienza umana. Quella stessa che il Maestro ha voluto attraversare con noi. 

La soglia

di Marianna Natale

La soglia è il limite tra l’estraneo e il familiare, tra il mondo esterno e quello interno, tra l’intimo eil privato e l’esteriorità. Un simbolismo ben presente non solo nella letteratura, ma anche nelle nostre esperienze umane più profonde.

Vincere le paure

di Guido Ghia

La paura è un meccanismo di difesa che si manifesta non solo a livello individuale, ma anche a livello sociale ed ecclesiale. L’Autore prende in esame questi tre “luoghi” antropologici della paura, individuandone le manifestazioni e le cause e proponendo come soluzione il recupero di una “fiducia di base”.

La teologia simbolica di Giovanni

di Claudio Doglio

Per consentire e noi e ai nostri lettori di muoverci più agevolmente nel brano dell’Evangelo che farà da guida alla riflessione della rivista nel 2010, abbiamo chiesto al prof. Claudio Doglio, uno deimassimi esperti dell’Evangelo giovanneo, di introdurci al procedimento simbolico nella lettura del   messaggio che l’Apostolo vuole trasmetterci.

Casa di cedro o tenda?

di Luigi Ghia

A Davide che propone al suo Dio di costruirgli una “casa di cedro” (il “Palazzo” o il “Tempio”), ilSignore risponde che Egli è un Dio nomade, sempre in cammino con il suo popolo, maisedentarizzato. Ha  ancora un senso, oggi, concepire la Chiesa come tenda, e la vita di fede come esodo, e nomade la verità? Il Concilio, se gli fossimo fedeli senza abusi di parole, ci assicura che, sì, ha ancora un senso. Da riscoprire.


L’affettività   

di Tony e Valeria Piccin

Gli Autori pongono un problema importante non solo all’interno    della vita familiare, ma anche della comunità ecclesiale: riscoprire il valore, oggi spesso sopito, dell’affettività. Il rapporto tra ragione e affettività è dialettico, ma non alternativo: nella Chiesa, il tema dell’affettività potrebbe addirittura essere considerato una chiave di lettura teologica delle relazioni in essa esistenti. In fondo, Dio, incarnandosi nella nostra stessa umanità, è diventato capaci di sentimenti. Intensi e profondi.

La famiglia: guscio, recinto,  ostacolo?

di Paola Bassani    

È sotto gli occhi di tutti che la famiglia vive oggi una crisi che non va tuttavia intesa in un significato necessariamente negativo. Dire che essa viene percepita come “guscio” che  protegge, “recinto” da cui è impossibile evadere, “ostacolo” alla autorealizzazione dei singoli, significa rimandare a luoghi comuni troppo semplicistici che oscurano le importanti opportunità che la famiglia offre ai suo componenti.  

Per una pastorale della porta

di Albino Dell’Eva

Sull’esempio del Maestro, la famiglia che si riconosce nella proposta cristiana dovrebbe imparare a farsi “porta” per  diventare recinto e trasformarsi in pascolo. Pastoralmente, questo pascolo sarà una testimonianza senza rumore, senza adunate oceaniche…, senza brandire alcun vessillo. Nella vicinanza a tutte le famiglie che fanno più fatica, incarnando nella vita quotidiana  i valori in cui crede e fidandosi della parola di Gesù.  

  pdf Signore insegnaci a pregare (356 KB)