cookiesE' entrata in vigore (dal 2 giugno 2015) la legge italiana sui cookie che recepisce la direttiva del Parlamento europeo, relativa al trattamento dei dati personali e alla tutela della vita privata nel settore delle comunicazioni elettroniche.
Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

LogoBlu

Traducteur-Translator

Ho altre pecore

Editoriale

Nel 2010 si è concluso l’anno sacerdotale indetto da Papa Benedetto XVI. Molto si è parlato del sacerdozio ministeriale poco del sacerdozio comune dei fedeli. Una riflessione, questa, che ci sembra tuttavia importante in un’ottica di suddivisione dei compiti e delle responsabilità. Consci, tutti, preti e laici, della comune appartenenza a quella che don Tonino Bello definiva “la Chiesa del grembiule”.

Oltre ogni recinto

di Luigi Ghia

L’invito di Gesù – contenuto nell’Evangelo di Giovanni – a superare i recinti, le chiusure pregiudiziali, le cosiddette “chiesuole”,contiene un messaggio teologico, ma altresì pastorale e pratico, molto importante: Dio dona a tutti la salvezza, nonostante il nostro vizio moralistico di dividere il mondo tra “buoni” e “cattivi”. Dio invece accoglie tutti, come ha accolto Davide,il re santo e peccatore. A noi il compito di essere accoglienti nei confronti di tutti.

Incontro senza paura all’inedito,

di Silvano Zucal

I “mondi vitali”nei quali siamo inseriti hanno subìto un forte cambiamento rispetto al passato e si sono differenziati siasul piano culturale che su quello religioso. Di fronte a questi cambiamenti molti, anche all’interno delle comunità cristiane,vivono un sentimento di paura. E tuttavia dobbiamo andare incontro all’inedito senza temere le differenze, senza porre barriere alla nostra comunità, rinnovando il nostro linguaggio.

Le vittime

di Giorgio Ghia

Viviamo oggi in un contesto in cui la povertà colpisce un nu mero sempre maggiore di persone, appartenenti anche a categorie sociali ieri considerate “privilegiate”. Lo stesso “posto di lavoro” non rappresenta più, in molte occasioni, una garanzia contro la povertà. È urgente ribaltare questa situazione insostenibile non con forme di assistenzialismo, ma con scelte politiche efficaci.

Un solo gregge, un solo pastore

di Milena Mariani

Il tema della cattolicità, cioè della universalità, della Chiesa, se preso sul serio, dovrebbe condurci a quella ampiezza di respiro, a quella coscienza di un’appartenenza comune, caratteristiche delle prime comunità che avevano assimilato lo sguardo di Cristo sull’umanità intera. Dovrebbero indurci a una speranza universale di salvezza: come affermava Karl Rahner, si spera per sé solo sperando per tutti.

La Chiesa popolo di Dio

di Matteo Prodi

L’Evangelo descrive la vita della Chiesa come il passaggio dall’ultima cena alla cena escatologica. Gesù desidera condividere il suo amore con tutti gli uomini e la Chiesa deve accogliere questa offerta evitando la tentazione di gestire il potere dimenticando l’azione della Grazia. Ridiventare “conciliare” per essere popolo di Dio.

pdf   pdf Camminare Insieme (71 KB)

di Annamaria e Franco Quarta

Nel 1965 Paolo VI nominava arcivescovo di Torino il professor Michele Pellegrino. Chi lo ha conosciuto e frequentatone sente ancor oggi una struggente nostalgia, non solo per la sua immediata richiesta di essere chiamato “Padre”  e non “Eminenza”, ma soprattutto per il “taglio” pastorale che ha dato alla sua missione nella comunità cristiana torinese.In questo contesto si situa la lettera pastorale “Camminare insieme” (1972) che gli Autori di questo articolo esaminanocon grande attenzione mettendone in evidenza tre parole chiave: povertà, libertà, fraternità.

La “regola d’oro” in famiglia

di Carla e Paolo Borgherini

La regola d’oro – chiamata così perché è presente in tutte le religioni – è la proposta che Gesù fa ai suoi discepoli,come riferisce l’evangelista Matteo: “Ama il tuo prossimo come te stesso”. Il filosofo Emmanuel Lévinas ne proponeuna ritraduzione: “Ama il tuo prossimo, è te stesso”. È su questa base che la regola può essere vissuta nel quotidiano,con parole, gesti, sentimenti.

L’usignolo sepolto

di Daniela Grassi

L’usignolo sepolto è il canto (negato) dell’ecumenismo degno del nome. Esso non si realizzerà tra istituzioni, appiattitesulla pretesa di possedere tutta la verità, ma tra uomini e donne di ogni fede, religiosa o politica, o di nessuna fede,impazienti di trovare un incontro vero che li accomuni, al di là delle paure, delle false credenze e dei pregiudizi.

pdf pdf Le convivenze (382 KB)