cookiesE' entrata in vigore (dal 2 giugno 2015) la legge italiana sui cookie che recepisce la direttiva del Parlamento europeo, relativa al trattamento dei dati personali e alla tutela della vita privata nel settore delle comunicazioni elettroniche.
Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

LogoBlu

Traducteur-Translator

Incontro, relazione, ospitalità

Editoriale

Il fatto fondamentale dell’esistenza umana è la relazione. L’uomo ela donna sono esseri “in-relazione”. Una relazione di unità, di alterità, di ospitalità. Gesù ci ha dato il modello sommo di questo atteggiamento relazionale, non giudicando, non escludendo e non emarginando nessuno. Neppure la Samaritana, una donna “adultera” e “scismatica”, che Egli tuttavia guarda con rispetto e in profondità. Un incontro paradigmatico di ogni relazione.

Il pozzo di Giacobbe

di Elena Lea Bartolini

La tradizione biblica fa del pozzo un luogo tradizionale di incontro,luogo in cui sono avvenuti incontri importanti, decisivi per la storia di Israele. Presso il pozzo di Giacobbe si invera un incontro fondamentale anche per la nostra vita e il nostro tempo. Il dialogo di Gesù con la donna di Samaria ci dice che lo Spirito di Dio agisce al di là delle nostre aspettative e delle istituzioni che vanamente tentano di catturarne il mistero e la libertà.

Un dono che non ha prezzo

di Giovanni Scalera

Il dialogo è il luogo di crescita della coppia. Lo scambio comunicativo si attua prevalentemente attraverso la parola, ma anche per mezzo di infinite forme di linguaggi non verbali, l’inflessione, lo sguardo, la gestualità…Non sempre la parola può esprimere tutta la profondità dei nostri sentiimenti. L’intimità della coppia diventa allora il luogo privilegiato di uno scambio in cui anche i silenzi si caricano di una grande forza espressiva.

I luoghi di incontro, oggi

di Luigi Ghia

I luoghi in cui le persone si incontrano sono destinati a mutare nel corso della storia. Un tempo erano luoghi fisici bene individuati, come l’agorà della polis greca. Oggi tendono ad essere i cosiddetti “non-luoghi”, in cui ci si vede, ma non ci si incontra nella nostra intimità più profonda.Oppure i luoghi “virtuali”, come il Web, la “rete”, in cui ci muoviamo in totale solitudine.

È possibile che oggi, in queste nuove forme di interazione, “ritornino i volti”? Questa è la sfida, oltre che la nostra speranza.

Un rabbi che dialoga con gli uomini

di Michelangelo Priotto

Gesù ama dialogare, si tratta di un dialogo che implica prima di tutto un ascolto profondo, intimo. Nell’articolo vengono presi in  considerazione alcuni dialoghi di Gesù riportati dall’Evangelo di Giovanni: con i primi due discepoli, con Maria, con Nicodemo, con laSamaritana… E ogni dialogo autentico ha in sé la forza del cambiamento.

Un lungo corteggiamento

di Rosanna Virgili

Il dialogo di Gesù con la donna di Samaria ha tutte le caratteristiche di un “corteggiamento”, un mezzogiorno di assoluta intimità, in cui il tempo si ferma in un fluire di eternità viva. Per la donna è come se Gesù diventasse il “settimo ed ultimo marito”, l’unico davvero degno del nome.

L’autenticità

di Elena e Uberto Bianciardi

Autentici nel pensiero, nella parola, nell’azione: questo è l’orizzonte di ogni uomo e di ogni donna che vogliono vivere coerentemente la loro esistenza, consci anche delle precomprensioni e della pigrizia che possono frenare questa tensione.

La reciprocità in famiglia

di Carla e Paolo Borgherini

Seguendo un noto modello matematico, la reciprocità in famiglia può essere definita come la messa in atto di una serie di atteggiamenti e di comportamenti il cui risultato è l’unità.Nel matrimonio, il passaggio da un rapporto contrattuale a una relazione d’amore, della quale occorre prendersi cura, favorisce l’instaurarsi di uno stile di vita basato appunto sulla reciprocità.

Chiedere o offrire “da bere”?

di Valeria e Tony Piccin

Non ci si può accostare ai fidanzati con la pretesa di offrire insegnamenti, né tanto meno “la verità”. Occorre invece avvertire la loro (e la nostra) sete, e mettere in comune un’esperienza di vita capace di aiutarci reciprocamente a percorrere assieme un tratto di strada.

Non è questo un segno di debolezza, ma di forza: significa darci l’un l’altro tutte le chances per essere fedeli alla nostra originalità.

pdf Sposarsi in un mondo multietnico (435 KB)