cookiesE' entrata in vigore (dal 2 giugno 2015) la legge italiana sui cookie che recepisce la direttiva del Parlamento europeo, relativa al trattamento dei dati personali e alla tutela della vita privata nel settore delle comunicazioni elettroniche.
Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

Es 20, 1-17

1Cor 1, 22-25

Gv 2, 13-25

«Si avvicinava intanto la Pasqua dei Giudei e Gesù salì a Gerusalemme. 14Trovò nel tempio gente che vendeva buoi, pecore e colombe e, là seduti, i cambiamonete.

15Allora fece una frusta di cordicelle e scacciò tutti fuori dal tempio, con le pecore e i buoi; gettò a terra il denaro dei cambiamonete e ne rovesciò i banchi, 16e ai venditori di colombe disse: “Portate via di qui queste cose e non fate della casa del Padre mio un mercato!”. 17I suoi discepoli si ricordarono che sta scritto: Lo zelo per la tua casa mi divorerà. 18Allora i Giudei presero la parola e gli dissero: “Quale segno ci mostri per fare queste cose?”. 19Rispose loro Gesù: “Distruggete questo tempio e in tre giorni lo farò risorgere”. 20Gli dissero allora i Giudei: “Questo tempio è stato costruito in quarantasei anni e tu in tre giorni lo farai risorgere?”. 21Ma egli parlava del tempio del suo corpo. 22Quando poi fu risuscitato dai morti, i suoi discepoli si ricordarono che aveva detto questo, e credettero alla Scrittura e alla parola detta da Gesù.23Mentre era a Gerusalemme per la Pasqua, durante la festa, molti, vedendo i segni che egli compiva, credettero nel suo nome. 24Ma lui, Gesù, non si fidava di loro, perché conosceva tutti 25e non aveva bisogno che alcuno desse testimonianza sull'uomo. Egli infatti conosceva quello che c'è nell'uomo».

Gesù da una parte purifica la nostra mente e il nostro cuore dalla falsa immagine di Dio che ci portiamo dentro, dall’altra caccia fuori dal luogo più sacro che abbiamo – il nostro cuore – quei ladri che continuano a rubarci la pace e la gioia di vivere.

Egli ha distrutto definitivamente la ‘religione’, quella fondata sul commercio con la divinità, sul baratto del dare e avere, del sacrificarsi per ricevere qualcosa in cambio, perché il Dio della vita non gradisce sacrifici ed offerte (cfr. Sal 40, 7) e tanto meno può chiedere mortificazioni ai suoi figli amati.

È in questo modo che vengono scacciati da dentro di noi quei ladri che continuano a rubarci la serenità e la bellezza dell’essere figli; sono i sensi di colpa che ci distruggono quando esperiamo il nostro limite, la tristezza del dover sempre corrispondere alle attese, la frustrazione di non sentirsi mai adeguati, puliti dinanzi a un dio legislatore e giudice. Gesù è venuto a purificare il tempio del nostro cuore dai fantasmi del ‘migliorismo’, del dovere di sentirsi a posto, facendoci comprendere che Dio non vuole servi migliori, ma solo figli amati.

A quel punto «molti, vedendo i segni che egli compiva, credettero nel suo nome» (v. 23). La fede non si fonda sul miracolo e il miracolistico, si nutre di ‘segni’. Il segno indica sempre l’oltre, è indice che rimanda all’essenziale, all’amore stesso. Il rischio è quello di innamorarsi del segno, e di perdere ciò cui il segno è solo indicazione. D’infatuarsi della religione con le sue liturgie, i suoi riti, le sue norme, i precetti da osservare, apparizioni e rivelazioni, perdendo di vista il Dio che sta infinitamente oltre ogni religione, e che chiede solo di essere accolto come dono immeritato.

«Noi gli diamo delle cose perché lui ce ne dia delle altre, facciamo dei sacrifici perché ci faccia dei favori, facciamo opere buone perché ci dia il premio. Concepire Dio in termini di legge, di obbligo, di dovere, di debito, di paga, di castigo, di premio invece che in termini di amore, di risposta, di alleanza, di nozze, è stravolgere la religione e Dio morirà per questo. L'ipotesi che sembra più vera è che Dio non è morto per i peccatori, per i peccatori non occorreva morire – bastava dire: Siete salvati! – è morto per i giusti, per convincerli del loro peccato, il peccato di avere un'ipotesi così cattiva su Dio. E Dio deve proprio morire in croce per dire: non sono così!» (Silvano Fausti).