cookiesE' entrata in vigore (dal 2 giugno 2015) la legge italiana sui cookie che recepisce la direttiva del Parlamento europeo, relativa al trattamento dei dati personali e alla tutela della vita privata nel settore delle comunicazioni elettroniche.
Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

Giornate Internazionali

2003 - Lignano 37e GIORNATE INTERNAZIONALI


Il tema "Famiglia e Globalizzazione" è stato esplorato da
- una tavola rotonda a cui sono invitati rappresentanti del Madagascar, della Spagna, del Canada, dell'Olanda e di un Paese dell'Europa Centrale, per avere un'idea dell'evoluzione del matrimonio e della famiglia nel nostro mondo di oggi
- una conferenza sociologica (Relatore Luigi Ghia, sociologo, direttore della rivista Famiglia Domani)
- una conferenza di etica teologica (Relatore Giannino Piana, Docente di Etica presso la Libera Università di Urbino) e sviluppato in lavori di gruppo a tema:
- Famiglia e lavoro
- Nuove forme familiari
- Matrimoni misti
- Famiglia e società
- Famiglia e solidarietà
- Nuove forme di solidarietà familiare
- Famiglia e comunità cristiane
- Famiglia e formazione cristiana
- Famiglia e vocazione
- Le sfide dei CPM in una società globale

TU, IO E IL MONDO
Matrimonio, coppia e famiglia in una società globalizzata
Un punto di vista sociologico

Luigi Ghia
Premessa:

Matrimonio, coppia e famiglia… al plurale.
Allargare il campo d'osservazione…
per non disperdere le risorse della complessità.

1. Definire i concetti (per sapere di che cosa stiamo parlando)

La famiglia, una definizione messa in discussione dai processi in corso.
La globalizzazione: una parola ambigua per dire la facile circolazione delle informazioni e dei capitali.
Lo sviluppo: il modello tecnologico non può essere il criterio ultimo per definirlo.
La società: occidentalizzazione (cioè colonizzazione da parte dell'Occidente) o "convivialità delle differenze" (Ivan Illich, Tonino Bello)?

2. Matrimonio, coppia e famiglia in una società globalizzata. Sei fenomeni per descrivere queste realtà

L'omologazione culturale. Il matrimonio sta perdendo la sua connotazione istituzionale in particolare per la condizione marginale in cui la società globalizzata inserisce i giovani. La solitudine del cittadino globale (Z. Bauman). Le famiglie multirazziali.
La globalizzazione dei consumi e degli stili di vita. L'omologazione dei gusti, delle abitudini alimentari, dell'abbigliamento. Che cosa significa "abitare"? I "non luoghi". I nuovi poveri.
La concentrazione finanziaria. Le nuove oligarchie. Le scelte di una economia basata esclusivamente su esigenze di finanza sono neutrali per la famiglia?
La moltiplicazione degli scambi informativi. Nuovi modelli di comunicazione. I rischi all'interno della famiglia e nei rapporti tra le famiglie.
Il pendolarismo familiare. Una mobilità che rischia di cancellare l'incontro di coppia e di famiglia.
La società rischiosa. Il "male di vivere". La mancanza di sicurezza esistenziale (il post-fordismo e il neo-taylorismo fanno di ognuno di noi dei potenziali esuberi…); la mancanza di sicurezza cognitiva (non riusciamo più a capire dove sta andando la società…); la mancanza di sicurezza personale (le paure della famiglia per la propria incolumità…).


3. Percorsi. Alcune semplici proposte operative, da sviluppare nei carrefours (questa parte non verrà esposta: da leggere sul testo)

Scoprire - o riscoprire - le strade delle idee e dei concetti
Scoprire - o riscoprire - la strategia dei gesti
Scoprire - o riscoprire - l'importanza della politica
Scoprire - o riscoprire - la sobrietà nel nostro stile di vita
Scoprire - o riscoprire - l'educazione alla mondialità


Conclusione

Globalizzazione tra idolo e risorsa
Dove c'è un idolo c'è una vittima. La famiglia, vittima della globalizzazione?
Inserire un messaggio di speranza nel cuore stesso dell'apocalisse assumendo il punto di vista e il passo dei poveri (tra i quali le coppie e le famiglie, oggi).

TU, IO E IL MONDO
Matrimonio, coppia e famiglia in una società globalizzata
Una prospettiva etico-teologica

Giannino Piana
Premessa

La riflessione si svolgerà seguendo due direttrici:

un modello etico evangelico, secondo l'ideale di perfezione proposto da Gesù di Nazareth;
una prospettiva etica positiva, capace di garantire una funzione di giudizio e di orientamento nei confronti del vissuto, nella fattispecie di quello della coppia e della famiglia.

1. Globalizzazione e famiglia: un intreccio complesso e ambivalente

Globalizzazione come fenomeno multidimensionale, non solo di ordine strutturale, ma anche culturale;
Una ideologia negativa (il "pensiero unico") che trasforma le domande di senso in domande di segno utilitaristico e mercantile;
Effetti sulla coppia e la famiglia:

privatizzazione delle funzioni e conseguente precarietà (da soggetti a oggetti di consumo);
eterodirezione della famiglia (appiattimento del vissuto familiare; dequalificazione della comunicazione all'interno della coppia e della famiglia)

2. Prospettive di crescita e cammini da attivare

La globalizzazione: pericolo e risorsa e soprattutto "sfida" per la famiglia. Prospettive di questa sfida:

a) Restituire un senso profondo alle relazioni interpersonali. Valori che la famiglia può promuovere:

La solitudine (non l'solamento!)
L'ascolto di sé e dell'altro
La recettività
La riconciliazione
Il perdono
La condivisione

(vanno comunque tenuti presenti due osservazioni: a) la comunicazione si realizza pienamente quando si sia consapevoli del limite stesso del comunicare; b) è importante saper gestire i conflitti, più che fuggire da essi o coprirli)

b) Ricostituire un "ethos collettivo" alternativo a quello oggi dominante. Valori che la famiglia può promuovere:

L'apertura al mistero
La gratuità
La compassione
La tensione verso l'imprevedibile e la coltivazione del senso dell'attesa
Soprattutto: la fecondità

c) Ridefinire i rapporti tra famiglia e società e, per i credenti, tra famiglia e chiesa.

Reagire alla logica della privatizzazione
Promuovere i valori tradizionalmente radicati all'interno della famiglia: l'ospitalità, la solidarietà, l'uguaglianza, la compartecipazione
Resistere ai condizionamenti sociali (autonomia)
Sul versante ecclesiale: famiglia non "oggetto", ma "soggetto" di pastorale


Conclusione

Quanto sopra esposto può essere considerato un progetto di sviluppo della famiglia nel quadro dell'attuale situazione di globalizzazione. Si tratta però di un orizzonte di ricerca, da recuperare nella discussione, da ampliare ed integrare.